INFINE ONLUS

Infine Onlus (vedi) è un’associazione che offre sostegno alle persone in lutto, ai familiari di malati di demenza senile, a chi ha paura di invecchiare e di morire. Infine Onlus risponde a un bisogno del nostro tempo: costruire una cultura della morte, in una società che la nega e che lascia soli gli individui davanti ad essa, ricostituendone l’appartenenza al ciclo della vita.

www.infine.it
info@infine.it
011.5693430
Via Santa Giulia 76, 10124 Torino

 

PROGETTO SOSTEGNO AL LUTTO

Il progetto Sostegno al Lutto nasce da una ricerca svolta in Torino e provincia nel 2011/12 da Marina Sozzi sull’esperienza del lutto (link al pdf con le testimonianze dei dolenti): è emerso che chi ha subito la perdita di un congiunto affronta spesso il dolore in solitudine e isolamento. La nostra cultura, che tende a rimuovere le emozioni, chiede implicitamente a chi ha perso un parente di tornare alla “normalità” il più in fretta possibile. Inoltre, non offre un adeguato sostegno sociale al lutto. Come molti psicologi affermano, troppi lutti rimangono bloccati: da inevitabile esperienza della vita, dolorosa ma foriera di riflessione e cambiamento, il dolore per la perdita viene medicalizzato e sbrigativamente addomesticato con psicofarmaci. La sofferenza viene così occultata con gravi conseguenze per chi vive il lutto.
Al fine di colmare questo vuoto sociale l’associazione Infine Onlus attiva gruppi di Auto Mutuo Aiuto (AMA) per il lutto (vedi) per costruire un tessuto sociale di condivisione e reciproco supporto a quanti riconoscono la necessità di essere aiutati nel cammino difficile che il lutto ci costringe a compiere. Infine Onlus vuole costruire una comunità protettiva entro cui il dolore di ogni partecipante sia accolto e condiviso, divenendo esprimibile e fecondo di un nuovo desiderio di vivere. La referente per il progetto è la dottoressa Desirée Boschetti, psicologa e psicoterapeuta (vedi)
I gruppi di Auto Mutuo Aiuto sul lutto sono incontri tra pari, che mirano a favorire la libera espressione dei sentimenti, a indurre i membri del gruppo a riflettere sulle proprie modalità di comportamento, ad aumentare le capacità individuali nel far fronte ai problemi, a incrementare la stima di sé e al contempo a favorire la nascita di nuove relazioni, promuovendo uno stile di vita a sostegno della salute individuale, familiare e sociale.
I gruppi sono attivati da uno psicologo esperto di elaborazione del lutto. Dopo questo primo periodo di attivazione, il gruppo procede autonomamente con la presenza di un facilitatore: si tratta in genere di un partecipante senior del gruppo, che ha elaborato il proprio dolore e resta a guidare gli altri. Ai nuovi membri è offerto un colloquio preliminare con un counselor, durante il quale vengono ascoltati i loro bisogni e evidenziate le risorse di ognuno. Inoltre, viene spiegato come avverranno gli incontri e quali sono le regole dei gruppi AMA.
Ogni gruppo, composto da un massimo di 12 membri, si riunisce nella nostra sede in via Santa Giulia, 76 (o in altro luogo concordato) una volta la settimana per un’ora e mezza.
Lo psicologo che ha attivato il gruppo supervisiona mensilmente gli incontri, per garantire che le relazioni all’interno del gruppo siano costruttive e orientate al superamento del lutto. I partecipanti, a turno, compilano un “diario di bordo”, su cui scrivono osservazioni sull’incontro precedente o semplicemente loro pensieri. Di tanto in tanto, si rilegge individualmente o collettivamente il diario, per prendere coscienza del cammino percorso. Inoltre, la supervisione garantisce che il gruppo proceda nel migliore dei modi, accogliendo – per quanto possibile – tutti, e che si riveli fecondo per ciascuno.

Condividi e Segnala
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • MySpace
  • PDF
  • LinkedIn
  • RSS

Lascia una risposta